Alessandro Scipioni, Cade la pioggia

Cade la pioggia,

Scoccano gli orologi:

la terra si bagna del nostro sangue.

Tornano a casa fila di soldati,

sporchi ed insudiciati;

La terra martoriata dalla guerra

Tornerà a vivere, il traffico

Cittadino verrà nuovamente

A riempire le strade di rumori.

I cadaveri saranno tolti dalle strade,

Noi che siamo ancora vivi

Torneremo sotto i nostri

Nuovi tiranni:

I nostri figli erediteranno

il compito di darsi la morte per ricacciarli.

Alessandro Scipioni

Elios
Editoria - Arte - Spettacolo
info@elioseditoriale.org