Albanian SQ Arabic AR Chinese ZH-CN English EN French FR German DE Hindi HI Indonesian ID Italian IT Japanese JA Korean KO Norwegian NO Portuguese PT Romanian RO Russian RU Spanish ES Turkish TR

Alla ricerca di Peresash

Da bambina, le storie che mio nonno raccontava crescendo nella tenuta di famiglia Peresash erano molte e varie. Il nonno era il maggiore di Lydia Alexandrovna Sluchevsky (1864-1919) e Konstantin Vladimirovich Korostovtz (1857-1919), quattro figli.

Per quanto poco sia stato detto del destino della famiglia durante la rivoluzione, sarebbe stato troppo doloroso. Queste informazioni si trovano nelle pagine del libro che il mio prozio Vladimir ha scritto sulla famiglia, intitolato “Seme e raccolto”. È stato questo libro, letto e riletto molte volte nel corso degli anni, che mi ha ispirata ad iniziare a cercare Peresash e, alla fine, a guidarmi verso di esso. Il libro del prozio Vladimir “Seme e Raccolto” colloca le tenute a circa 37 km dalla bellissima città antica di Chernihiv. Il viaggio di 141,6 km lungo quella strada principale spalancata da Kiev a Chernihiv ci ha portato attraverso villaggi che non sono stati toccati dal tempo o dalla rivoluzione. I nidi di cicogne erano abbondanti e la frutta e la verdura fresca, disposti sul ciglio della strada, invitavano i pochi che passavano in macchina o in camion a fermarsi a comprare. Le torri di vedetta che un tempo sorvegliavano i veicoli di passaggio erano abbandonate, era chiaro che la fine del comunismo era in vista.

Era stato un lungo viaggio movimentato dal mio albergo a Kiev in quel caldo giorno di agosto del 1991, in un’auto che continuava a rompersi e sempre miracolosamente fissata sul ciglio della strada. Le fermate furono l’occasione per spazzolarmi perché c’era almeno un buco nel pavimento dell’auto che permetteva alla polvere di depositarsi sul mio vestito. Il mio autista e l’interprete erano studenti universitari che non conoscevano la zona in cui mi chiedevo di portarmi. Non avendo Google Maps a cui fare riferimento, né tantomeno una mappa, ci siamo rivolti al libro del prozio Vladimir per guidarci.

Il viaggio è diventato più complicato dopo Chernihiv. La distanza percorsa, e quelle che chiedevamo indicazioni, indicavano che dovevamo essere vicini quando finalmente, guardando attraverso un campo, potevo vedere una recinzione che sembrava comprendere il parco di casa di una tenuta. Un po’ più avanti, con mio grande stupore e gioia, sul ciglio della strada c’era un cartello con la scritta Peresash. La macchina si fermò e noi uscimmo fuori fissando il cartello con incredulità, contro ogni probabilità che avessimo trovato Peresash.

Un viale alberato ci portò alla portineria di fronte a una torre d’acqua con un grande nido di cicogne in cima. Dopo aver parcheggiato l’auto, ci chiedemmo dove i dignitari locali avevano atteso a lungo il nostro arrivo, alcuni si erano arresi e se ne erano andati. Erano arrivate le mie lettere alle postine, si era sparsa la voce che ero attesa. In piedi all’ombra sotto enormi alberi pieni di canti d’uccelli, travolti dall’emozione e dalle lacrime che mi scorrono lungo le guance, ho aperto il libro di Vladimir per mostrare le foto della mia famiglia. L’interprete mi ha sussurrato all’orecchio che tutti sanno esattamente chi sei, sei la benvenuta.

Peresash sembra essere stato un ospedale per chi ha problemi di salute mentale per molto tempo. Anche se la chiesa di famiglia era sparita da tempo, fatta saltare in aria per ordine di Stalin, la casa principale, la casa degli ospiti, la distilleria di vodka, la carrozza, ecc. sono state riconosciute dalle mie foto d’archivio. Il lago, così bello come l’avevo immaginato, era abbastanza intatto. Non c’era traccia delle centinaia di varietà di rose della bisnonna che Vladimir cita nel suo libro, ma c’era ancora un frutteto. Dopo essere stati mostrati in giro siamo stati invitati a pranzo appositamente preparati da una splendida signora vestita con una tuta bianca immacolata e un cappello da chef. Dopo pranzo sono stato portata a visitare un villaggio dove un anziano si ricordava della mia famiglia.

Trovare Peresash non sarebbe stato possibile senza il libro del prozio Vladimir. Quello a cui non mi ero preparata era l’impatto emotivo che il ritrovamento di Peresash avrebbe avuto su di me. Era di cambiare la mia vita e di ispirarmi a scoprire di più sulla mia illustre famiglia. Seguirono molte avventure, si fecero amicizie e si scoprirono cugini.

Nota a piè di pagina: Nel 1919 la mia bisnonna, Lydia Korostovetz, fu arrestata dai bolscevichi e imprigionata a Chernihiv, mentre raggiungeva suo figlio Antonio in agonia dopo essere stata colpito da un colpo di pistola alla gamba quando fu catturato. La ferita di Antonio era andata in cancrena. Entrambi sono stati incatenati insieme e gli hanno sparato. Andrei, il figlio minore di Lydia, si è sparato con l’ultimo proiettile mentre veniva inseguito a cavallo dai bolscevichi. Il corpo di Andrej, salvato dagli abitanti del villaggio, è sepolto nel giardino di un villaggio. Non siamo stati in grado di identificare dove si trovano le tombe della mia bisnonna e di suo figlio Anthony.

Elios
Editoria - Arte - Spettacolo
info@elioseditoriale.org