Albanian SQ Arabic AR Chinese ZH-CN English EN French FR German DE Hindi HI Indonesian ID Italian IT Japanese JA Korean KO Norwegian NO Portuguese PT Romanian RO Russian RU Spanish ES Turkish TR

La National Gallery annuncia l’Asia Tour. La prima sede è il Museo di Shanghai dal 17 gennaio 2023

Da Botticelli a Van Gogh: ​Capolavori dalla National Gallery – una nuova mostra di 52 dipinti di artisti come Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Rembrandt, Constable, Monet e Van Gogh – sarà in tournée in Asia nel 2023 e all’inizio del 2024.

Mentre la Galleria si prepara per NG200, la sua celebrazione del Bicentenario che dura un anno dal 10 maggio 2024, importanti lavori di costruzione a Trafalgar Square ci hanno offerto un’eccezionale opportunità di riunire ancora più persone e dipinti a livello globale, offrendo al pubblico asiatico la possibilità di accedere alla nostra collezione senza dover viaggiare a Londra, particolarmente gradito in un momento in cui i viaggi internazionali nella regione sono ancora limitati.

Questa nuova serie si basa sul tour di grande successo in Australia e Giappone nel 2020 e nel 2021, che è stato apprezzato da oltre 700.000 persone, insieme a numerose altre attività in corso della National Gallery nella regione asiatica, tra cui esperienze di apprendimento e vendita al dettaglio, oltre a partnership digitali e di marca .

La prima sede per Botticelli a Van Gogh: ​Capolavori dalla National Gallery sarà il Museo di Shanghai dal 17 gennaio al 7 maggio 2023 e sarà la prima mostra in assoluto della National Gallery in Cina. Presto verranno annunciate altre due sedi.

I capolavori della National Gallery sono essenzialmente una “Galleria nazionale in miniatura”, una selezione rappresentativa della storia della Galleria che offre al pubblico una storia concisa e bella dell’arte occidentale raccontata in modo univoco dalla collezione della National Gallery.

La mostra si articola in otto sezioni: Botticelli e la pittura nell’Italia del Quattrocento, Raffaello e l’alto rinascimento italiano, Gossaert e il Rinascimento settentrionale, Caravaggio e la pittura barocca in Italia e in Spagna, Rembrandt e la pittura del Seicento nel nord Europa, Canaletto ed Europa La pittura nel diciottesimo secolo, Van Gogh e gli impressionisti e Turner e la pittura in Gran Bretagna.

I prestiti chiave includono Sandro Botticelli, Tre miracoli di San Zanobi (circa 1500), Raffaello, La Madonna Garvagh (circa 15010–11), Jan Gossaert, Una giovane principessa (circa 1530–2), Caravaggio, Ragazzo morso da una lucertola (circa 1594–5), Rembrandt, Autoritratto all’età di 63 anni (1669) Canaletto, Venezia: Ingresso al Cannaregio (probabilmente 1734–42), Van Gogh, Erba alta con farfalle (1890) Claude Monet, Irises (circa 1914- 1917), John Constable, Stratford Mill (1820) e Turner, The Parting of Hero and Leander (prima del 1837).

Il dottor Gabriele Finaldi, Direttore della National Gallery, afferma: “Sono lieto che la National Gallery stia costruendo i suoi tour di grande successo in Australia e Giappone e raggiungendo un nuovo pubblico in tutta l’Asia e a livello internazionale.

La Galleria ha un ruolo importante da svolgere nella promozione della posizione riconosciuta a livello mondiale del Regno Unito come centro per la cultura e le arti, e rimaniamo impegnati con passione nello scambio culturale a livello internazionale.

Il tour dimostra come la Galleria continui a innovare nel modo in cui progetta e realizza collaborazioni, con la mostra che rappresenta quella che è essenzialmente la “Galleria Nazionale in miniatura”. È anche un promemoria del continuo interesse del pubblico di tutto il mondo per la tradizione europea e la collezione di fama mondiale di cui siamo custodi qui alla National Gallery. “

Il dottor Chu Xiaobo, Direttore del Museo di Shanghai, afferma: ” Siamo entusiasti di lavorare insieme per portare i capolavori dalla National Gallery a Shanghai, per condividere per la prima volta la sua prestigiosa collezione di arte occidentale con il pubblico cinese. Come museo per sede dell’arte cinese di prim’ordine, il Museo di Shanghai è anche orgoglioso di accogliere e mostrare altre civiltà e arti in tutto il mondo nell’ultimo mezzo secolo.Questa mostra sarebbe il progetto più ambizioso per presentare così tanti grandi nomi della storia dell’arte occidentale e raccogliere le loro grandi opere per la prima volta nella Cina continentale. Sarebbe una festa anche per gli occhi e per l’anima. Speriamo che la bellezza dell’arte possa essere condivisa e apprezzata da persone di culture diverse”.

Elios
Editoria - Arte - Spettacolo
info@elioseditoriale.org