Albanian SQ Arabic AR Chinese ZH-CN English EN French FR German DE Hindi HI Indonesian ID Italian IT Japanese JA Korean KO Norwegian NO Portuguese PT Romanian RO Russian RU Spanish ES Turkish TR

Professoressa Natalia Selezneva

Elena Buzhurina presidente dell’associazione culturale ” Liguria Russia Sanremo Nizza Costa Azzurra

La professoressa, dottore in scienze tecniche, professore associato, membro dell’Academia di Navigazione Natalia Selezneva risponde alle domande di Elena Buzhurina presidente dell’associazione culturale ” Liguria Russia Sanremo Nizza Costa Azzurra “chiesto dopo l’uscita sul giornale “Russia Privet” il 13/03/2019 di alcuni articoli della professoressa Selezneva:

“Nuovi orizzonti della scienza della bionica”

  Sull’autore: Selezneva Natalia Vasilyevna è nata nel 1946 a Mosca e vive a Mosca. Nel 1970, ha ricevuto una formazione tecnica superiore, nel 1975 – ha difeso la sua tesi sulla specialità “Cibernetica tecnica”, e nel 1999 – la sua tesi di dottorato nella specialità “Sistemi di misurazione delle informazioni”.

  La sfera di interesse della professoressa Selezneva N. è la navigazione, la metrologia e la bionica. Lavora in università tecniche da oltre 40 anni ed è autrice di oltre 80 lavori scientifici ed educativi, tra cui le monografie: “Navigation Bionics” (1987), “L’uomo come un sistema biologico di misurazione delle informazioni (1995),” Biocomputer: componenti, struttura, proprieta’ “(2010),” The Conquest of Outer Space “(2013).

1). Si sa che in Russia ci sono stati momenti in cui nuove direzioni di ricerca hanno incontrato difficoltà nel loro sviluppo. Ad esempio, nel periodo stalinista, non solo la scienza genetica era vietata, ma anche la cibernetica – legata alla scienza della bionica. In che modo questi divieti hanno influito sullo sviluppo della bionica in Russia? Ha una conoscenza inesatta dello stato della scienza nel periodo di Stalin nel nostro paese. Nella Russia prerivoluzionaria, la maggior parte della gente era analfabeta, non potevano né leggere né scrivere. Fu durante il periodo stalinista che l’educazione universale fu introdotta nel nostro paese. Stalin incoraggiava molto gli scienziati: avevano alti salari rispetto al reddito medio, le pubblicazioni pagavano stipendiati per lavori scientifici – libri, articoli. Stalin ha seguito personalmente la crescita del personale scientifico giovane: gli studenti ricevevano un alloggio e una borsa di studio per vivere. Quando i Tedeschi si avvicinarono a Mosca durante la guerra, gli studenti delle università di Mosca andarono nell’ esercito. Per ordine di Stalin, gli studenti del 4 ° e 5 ° corso, prima di essere mandati al fronte, furono presi e mandati a diplomarsi presso le accademie militari, in modo che non avrebbero battuto i nazisti solo con la forza fisica. Mio padre era tra questi studenti.

  Fu durante il periodo di Stalin che i giovani cercarono di ottenere un’istruzione superiore per servire il popolo. Volevano diventare studiosi, scienziati fisici, sperimentatori e ricercatori. Ora, dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il capitalismo è arrivato nel nostro paese, e ora i giovani, come in altri paesi capitalisti, stanno cercando di ottenere non conoscenza scientifica, ma diplomi di manager, finanziari e avvocati, per avere grandi guadagni e acquisire più beni e servizi.

Invece di ingegneri ha iniziato a produrre specialisti di bachelor con istruzione secondaria. I professori universitari sono pagati poco e, per pubblicare il loro lavoro, uno scienziato deve pagare una somma alta.

   Fino al 1953 (nel periodo Stalin), la genetica e la cibernetica, sia in patria che all’estero, avevano appena iniziato a emergere e svilupparsi. Non erano ancora riusciti ad accumulare conoscenze fondamentali, quindi all’epoca non potevano avere un impatto significativo sullo sviluppo della scienza nel nostro paese. Inoltre, la bionica non esisteva in quel momento. Per la prima volta il mondo ne ha sentito parlare solo nel 1960!

   Ma gli eventi della fine degli anni ’50 hanno avuto un impatto più significativo sulla scienza russa: l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti erano in uno stato di guerra fredda, iniziò la corsa agli armamenti. Una terribile guerra nucleare potrebbe divampare in qualsiasi momento. Nel paese sovietico c’erano menti evolute (S.P.Korolev, M.K.Tikhonravov), che col tempo riuscirono a trovare una via d’uscita da questa situazione. Convinsero la leadership del paese a dirigere gli sforzi delle parti in guerra non verso la distruzione reciproca, ma all’esplorazione dello spazio. Hanno proposto di buttare via i missili nucleari e riempire lo spazio con attrezzature di ricerca e inviare i nuovi missili nello spazio per conoscere l’universo sconosciuto dell’Universo.

   Grazie ai voli nello spazio, la nostra scienza e tecnologia sono venuti alla ribalta. La medicina cosmica e la biologia cosmica hanno fatto normi passi avanti nella conoscenza delle proprietà degli animali e degli esseri umani, in particolare le funzioni di informazione, adattamento, apprendimento e auto-miglioramento. Penso che in Italia questa informazione non sia ancora nota.

Prof.ssa Natalia Selezneva dottore in scienze tecniche, professore associato, membro dell’Academia di Navigazione

2). Come suggerisce il nome, la bionica è una scienza strettamente legata alla biologia. Questo significa che i progressi nel campo della bionica dipendono principalmente dal successo della ricerca biologica? La bionica è strettamente legata alla biologia – trae da essa la conoscenza degli esseri viventi. Ma la forza trainante della bionica sono i bisogni dello sviluppo tecnologico. Sono quelli che costringono gli ingegneri a cercare nuove idee all’interno della fauna selvatica.

   I biologi non creano nulla di nuovo. Studiano ciò che la Natura ha già creato. Pertanto, nella ricerca usano osservazioni, esperimenti e suddivisone.

Gli stessi ingegneri creano dispositivi tecnici, quindi conoscono i principi del loro lavoro. Sanno anche che la composizione e l’organizzazione di un oggetto (tecnico o biologico) sono determinati dalle sue funzioni.

   Pertanto, quando studiano esseri viventi, usano le loro analoghe tecniche. Tale confronto consente di riconoscere la composizione e la struttura di un sistema biologico, determinare lo scopo e le proprietà dei suoi singoli organi, identificare le cause di inesattezze, gusti ed errori.

   Solo l’uso integrato delle conoscenze tecniche e biologiche ci consente di rilevare l’essenza della natura vivente. Ad esempio, i biologi hanno stabilito che una persona ha cinque organi di senso. Con il loro aiuto si orienta nello spazio.

    Invece, gli ingegneri che conoscono i principi dell’orientamento spaziale, comprendono che questa informazione non è sufficiente per risolvere il problema, hanno identificato il sesto e il settimo senso (vestibolare e propriocettore) e spiegato il loro ruolo nel risolvere il problema dell’orientamento. Il fatto che gli animali possano proprio vedere suoni, calore, campi elettrici e magnetici viene scoperto anche con l’aiuto di ingegneri.

3) La bionica in qualche modo tiene conto delle teorie marxiste che hanno mostrato la loro correttezza in relazione all’economia? In effetti, nella vita selvaggia c’è una lotta spietata per l’esistenza. Queste relazioni animali corrispondono alla lotta di classe? Tra gli esseri viventi le relazioni reciproche – cioè, la lotta e l’assistenza reciproca allo stesso tempo.Da un lato, creature viventi di una specie (animali e piante) si nutrono di creature viventi di altre specie quindi tutti gli esseri viventi devono essere in grado di attaccare e difendersi. Le creature della stessa specie combattono anche tra loro, proteggendo il loro territorio, la loro preda, la femmina e i cuccioli.

   D’altra parte, l’assistenza reciproca tra gli esseri viventi è necessaria, poiché la vita sulla Terra può esistere solo sotto forma di catena alimentare, la cui esistenza dipende dal benessere di ciascun legame. Pertanto, i predatori si prendono cura della loro preda per essere fecondi e sani (il gatto porta i topi vivi in casa, nelle riserve naturali, quando i lupi vengono uccisi, cervi e cinghiali iniziano ad ammalarsi, gli alberi della foresta si scambiano umidità, sostanze nutritive e combattono insieme i parassiti).

   Tale assistenza reciproca tra gli esseri viventi è necessaria, poiché la vita sulla Terra può esistere solo sotto forma di catene alimentari, la cui esistenza dipende dal benessere di ciascuna specie.

4). Gli scienziati bionici stanno lavorando alla creazione di “intelligenza artificiale”. I robot di intelligenza artificiale hanno acquisito la capacità di riconoscere schemi, discorsi umani e risolvere molti problemi logici. Sappiamo che oltre all’intelletto, l’uomo ha mente, ragione. Sono queste diverse proprietà dell’attività mentale umana? Perché non parlare di creare una “mente artificiale”? Per rispondere a questa domanda, è necessario prima capire quale “intelletto” è in linea di principio, in che cosa differisce da “mente”? Quali funzioni nel coro svolgono l’intelligenza e che cosa – la mente? Perché la natura li ha creati?

   Consideriamo l’esempio di un essere vivente. Il nostro corpo contiene molte cellule (fino a dieci alla quindicesima) che funzionano ininterrottamente ed eseguono semplici operazioni. Tra di loro c’è una rigida divisione del “lavoro”: alcune celle convertono le influenze esterne in biocorrenti, altre trasferiscono i segnali attraverso i canali di comunicazione e altri ancora elaborano i segnali. Nel sistema immunitario, alcuni linfociti rilevano elementi estranei e li contrassegnano, altri distruggono gli elementi etichettati e altri ancora catturano e rimuovono i loro resti dal corpo.

   Non una singola cellula dell’organismo, né il loro insieme (ad esempio il cervello), in linea di principio, non sono in grado di controllare il comportamento umano (come cento bambini non saranno in grado di gestire un asilo nido).

   Per controllare i movimenti e il comportamento di una persona, è necessario coordinare il lavoro di tutte le cellule del corpo e indirizzare i loro sforzi verso il raggiungimento di un obiettivo comune. Crediamo che questa funzione sia eseguita dal centro di controllo – Human Mind. Esercita una forza su tutte le cellule e gli organi del corpo, riceve informazioni sulle condizioni esterne, prende decisioni, determina le strategie e le tattiche delle azioni. Al fine di garantire l’efficacia e l’efficienza del suo comportamento, deve controllare la qualità dell’esecuzione dei suoi comandi e tenere conto delle risorse del corpo (energia, materiale).

   Per risolvere questi problemi, la Mente ha bisogno di programmi di comportamento, sopravvivenza e raggiungimento degli obiettivi in varie situazioni. Lo sviluppo di programmi nel corpo umano sono sistemi di intelligenza. Un essere umano ne ha tre: il primo sviluppa programmi genetici (riflessi e istinti incondizionati), il secondo sviluppa programmi basati sull’esperienza accumulata (riflessi condizionati), il terzo crea programmi basati sulla conoscenza acquisita da altri esseri.

   Le funzioni della mente e dell’intelletto sono insite non solo negli umani, sono necessarie per l’esistenza di qualsiasi creatura vivente, sebbene le loro capacità e realizzazioni variano molto da una specie all’altra. La ragione è la capacità di una persona di pensare in modo logico. E solo l’uomo possiede questa capacità tra gli esseri viventi sulla Terra.

5). Forse in breve tempo i robot diventeranno intelligenti come gli umani. Ma a parte i robot, una persona ha un’anima oltre la mente. Pensi di poter creare un’anima artificiale per un robot? Per rispondere a questa domanda, devi prima capire che cos’è – “anima”? Quali funzioni svolge nel corpo? E l’anima serve a un robot? E solo allora possiamo risolvere il problema della creazione di un’anima artificiale.

   È ovvio che l’anima è una sostanza materiale, poiché colpisce una persona: influenza lo stato di salute, l’umore, le azioni e, in definitiva, anche il destino. Per esercitare una pressione sul corpo e sui suoi organi interni, lo può fare solo una vera forza fisica, con l’azione all’interno del corpo c’è crea un movimento di elementi. Di cosa si tratta, la scienza non lo conosce.  Ma questo non significa che non esiste.

   È anche ovvio che l’anima non è un organo separato nel corpo umano. È una parte della psiche, in quanto è in grado di valutare il comportamento umano, tenendo conto del sistema di valori appresi dallo stesso Fisicamente, l’anima deve essere un biocampo che permea tutte le cellule del corpo, poiché colpisce simultaneamente molti dei suoi organi.

   È noto che ogni oggetto – vivo, non vivo – ha il suo campo fisico. Il campo combina gli elementi costitutivi di un oggetto, e ne forma la struttura e ne determina le proprietà. In effetti, ogni sostanza è uno spazio completamente vuoto in cui le particelle si muovono. Le dimensioni di queste particelle sono infinitamente piccole rispetto alle distanze tra loro.

   Ad esempio, un cristallo di ferro. Se i nuclei dei suoi atomi si aumentati fino alla dimensione di una palla da tennis, allora su questa scala la distanza tra i nuclei vicini sarà di almeno 2 chilometri e, a centinaia di metri da ciascun nucleo, gli elettroni si muovano con dimensioni di una capocchia di spillo. Se una piastra di ferro è stata appoggiata su una altra piastra di ferro, la piastra superiore dovrebbe affondare nel vuoto della piastra sottostante. Tuttavia, questo non succede. I campi fisici tengono i nuclei a distanze definite e rendono impenetrabile il vuoto tra di loro. Pertanto, un pezzo di ferro è percepito come denso, monolitico, pesante.

   Una creatura vivente ha la composizione e la struttura di un biocampo più complesso degli oggetti non viventi: oltre ai campi fisici, contiene anche plasma, gas, aerosol e radiazioni. Tutti i componenti del biocampo sono materiali, hanno energia, cambiano le loro caratteristiche a seconda dello stato del corpo. Come negli oggetti inanimati, i componenti di un biocampo hanno forze che formano la struttura del corpo e controllano tutti i suoi processi interni. Attualmente, quando si diagnostica lo stato della salute umana, vengono misurati e analizzati sette componenti di un biocampo: elettrico, magnetico, infrarosso, radio-termico, acustico e chemiluminescente.

   La maggior parte dei componenti del biocampo sono rigidamente connessi al corpo e ne ripetono le forme. Ad esempio, radiazione luminosa e campi statici (gravitazionali, magnetici, elettrici) dei tessuti corporei, campi fisici causati dalla circolazione di fluidi (sangue, linfa) attraverso i vasi, il movimento di biocorrenti attraverso i canali nervosi e il movimento degli elettroni attraverso i canali di agopuntura del corpo. Le dimensioni di questi campi sono diverse: alcune si estendono per diversi centimetri oltre il corpo, altre si estendono per diverse decine di metri (fino a 200 metri) dal corpo.

   I costituenti del biocampo, causati dall’attività razionale e intellettuale della creatura, possiedono una certa indipendenza dal corpo e in alcune situazioni possono allontanarsi da esso. Ad esempio, se esposto a shock umano, sovraccarico prolungato, dolore intenso prolungato. In una tale situazione, una persona vedrà il suo corpo “dal fuori”.

   Quale di queste componenti del biocampo sia l’anima è un mistero che gli scienziati devono ancora risolvere.

6). Come si sviluppa il dialogo tra scienza e religione in Russia? Nel nostro paese, da oltre 100 anni, la religione è stata separata dallo stato. Sono andata a scuola, università e dottorato di ricerca, ho lavorato in un istituto di ricerca e in due università. Ha svolto attività congiunte in molte imprese e istituti di ricerca nel settore dell’aviazione. Non ho mai dovuto entrare in rapporto con la religione.

   La scienza conosce la realtà con l’aiuto di strumenti di misurazione. Le religioni non studiano la realtà, ma usano le conoscenze accumulate dalla scienza e ripensano alla loro comprensione dell’Universo. Molti anni fa, quando le misurazioni astronomiche hanno dimostrato che la Terra non si regge su tre balene, e il Sole non ruota attorno alla Terra, i leader religiosi hanno dovuto adeguare i loro paradigmi.

   Allo stato attuale, i voli spaziali hanno dimostrato che la forma di una persona – la forma del suo corpo e la composizione dei suoi organi interni – durante lo stato di assenza di gravità senza rimedi speciali è significativamente trasformata: il suo scheletro, i suoi muscoli, il cuore e il cervello diventano inutili, sebbene l’intelligenza rimane. Non si sa come cambierà l’aspetto di una persona in 3-4 mesi mentre raggiunge Marte, ma è certo che entro il quindicesimo giorno le sue braccia e le sue gambe diventano sottili e flessibili, come i maccheroni bolliti, e il suo cuore si riduce alle dimensioni del pugno di un bambino. In questa forma, una persona non può più vivere sulla Terra! Quando si realizzeranno queste verità, i leader religiosi dovranno di nuovo correggere qualcosa nel paradigma in cui si dice che il Creatore ha creato l’uomo a sua immagine e somiglianza (per il Creatore è offensivo, perché la razza umana è così lontana dall’essere perfetta!).

   Il compito della religione è come il potere delle strutture statali – per gestire le persone. Alcune – con obiettivi nobili: rafforzare lo stato, mantenere l’ordine in esso, aiutare le persone a scegliere un obiettivo di vita, sopportare umilmente la malattia e la vita, osservare le regole dell’ostello (non nuocere, rubare, non desiderare la moglie del vicino, non uccidere il prossimo, ma nemici – uccidi). Altri usano queste conoscenze per scopi egoistici: vincere elezioni, costruire un colpo di stato, arricchirsi di persona o prendere il potere.

7) Scrivi che una persona ha studiato e continuerà ad imparare dalla natura. Allo stesso tempo, le persone, conquistando la terra e lo spazio esterno, trasformano il mondo che li circonda, lo subordinano a se stessi e allo stesso tempo distruggono e inquinano l’aria, l’acqua e la terra in tutto il pianeta. Non può accadere che le persone distruggano la Natura – il loro “insegnante”? A causa del progresso tecnico, la quantità e la nocività dei rifiuti stanno aumentando notevolmente. E come risultato – l’inquinamento della Terra e dello spazio vicino alla Terra aumenterà. Essi accumulano non solo rifiuti, ma anche radiazioni dannose, campi fisici, che a loro volta aumentano l’aggressività delle persone …

  Se i paesi saranno in grado di accettare di vivere in pace (secondo i comandamenti: non uccidere, non rubare, non desiderare, ecc.), Se le persone imparano a riciclare i propri rifiuti e vivono in armonia con la Natura – il tempo lo dirà. Al contrario l’umanità come specie scomparirà. Sulla Terra, molte specie di creature viventi sono irrimediabilmente scomparse, ma la vita sulla Terra continua. Ad esempio, dopo una catastrofe nucleare in Ucraina nella zona di esclusione, nonostante l’elevata radiazione, sono apparse molte specie di animali, nuovi in questa zona, e il loro numero è aumentato in modo significativo.

8). Ogni cosa nuova che crea scienza e tecnologia è principalmente usata per scopi militari, cioè per la distruzione dell’uomo. È possibile in qualche modo fermare il progresso tecnico? Chi dovrebbe scoraggiare e controllare la creazione e l’uso di armi pericolose? Uomo – l’unico rappresentante del mondo animale, in cui il principale strumento di difesa e attacco è l’informazione accumulata da generazioni di antenati. Negli animali, i principali mezzi di difesa e attacco sono artigli, denti, veleni, scariche elettriche ed acustiche, armature, ecc. – modificandosi se cambiano le condizioni di esistenza esterne. Negli esseri umani, i suoi mezzi di sopravvivenza sono continuamente sviluppati e migliorati, indipendentemente dalle condizioni esterne.

   L’intelligenza collettiva è la forza trainante del progresso scientifico e tecnologico dell’umanità. Senza di esso, l’uomo non è diverso da un animale: non è senza ragione che diventa selvaggio. Secondo l’intelletto, una persona non sorgerà sopra l’animale, nonostante il fatto che il suo cervello sia più grande di volume rispetto al cervello di un animale.

   Lo sviluppo del progresso tecnico non può essere fermato, poiché è impossibile fermare il flusso del pensiero umano. Quindi la natura ha disposto che le conoscenze accumulate dalla società, siano utilizzate principalmente per proteggere e attaccare le loro stesse specie. In realtà, ogni guerra tra comunità umane è una “guerra di menti”, cioè uno scontro, una lotta tra l’intelligenza collettiva che si sviluppa in modi diversi.

   Per salvare l’umanità, è necessario attivare la mente razionale – il pensiero logico e rendersi conto di quanto siamo vicini al baratro, e ritirarci per tempo, frenare i nostri istinti innati e dirigere lo sviluppo del progresso scientifico verso la preservazione dell’umanità.

   Questa comprensione domina la psicologia russa: un grande uomo forte deve essere buono. In tutti i racconti popolari si dice di un “bravo giovane” che protegge, salva, aiuta qualcuno. E l’inganno, la cattiveria e la cattiveria sono prerogativa dei piccoli (nani) e dei personaggi molto magri (Koschey). Pertanto, realizzando sé stesso come una grande potenza, i russi non hanno mai attaccato nessuno, il nostro paese si è difeso solo dall’attacco. Abbiamo un’arma nucleare, la mostriamo a tutti: non attacchiamo ma eventualmente reagiamo! In nessun conflitto militare, il nostro paese non ha usato armi nucleari mai!

   Anche gli Stati Uniti sono un grande paese, ma altre fiabe hanno letto ai bambini. Credono di poter stabilire il loro ordine in qualsiasi altro paese. E non appena hanno inventato le armi nucleari, l’hanno immediatamente usati: hanno lanciato bombe nucleari su due città giapponesi: Hiroshima e Nagasaki. La gente è bruciata in un istante, solo le ombre sono rimaste!

   Naturalmente, presto apparirà un nuovo tipo di armamento, con intelligenza artificiale. Tali armi saranno inventate non solo negli Stati Uniti e in Russia, ma anche in altri paesi. Sarà difficile controllarne l’uso: probabilmente, l’America sarà di nuovo la prima a utilizzarla in qualche paese indifeso per stabilire lì la sua “democrazia”. Ma in quello che credo fermamente, la Russia non sarà la prima a iniziare. La nostra Russia è forte e corretta.

9). Gli scrittori di fantascienza nelle loro opere descrivono spesso situazioni in cui le macchine intelligenti create dalla gente smettono di obbedire all’uomo e possono persino distruggere le persone. Pensi che il futuro del progresso tecnico sia reale? Considero questo problema come una fantasia. Creano dispositivi con intelligenza artificiale, una persona sviluppa un programma di lavoro, li forma, stabilisce obiettivi e regole per la loro attuazione, stabilisce restrizioni, dà un segnale per iniziare e terminare il lavoro, fornisce energia e fornisce le condizioni di lavoro necessarie.      Indipendentemente dalla persona, i dispositivi di intelligenza artificiale non sono in grado di funzionare. Se una qualsiasi auto “intelligente” esce improvvisamente dal controllo umano devi solo staccare la spina dalla presa!

Elios
Editoria - Arte - Spettacolo
info@elioseditoriale.org