Ritratti di isolamento: L’incubo del sé dimenticato. Artista Rachel Berkowitz

Questa serie è stata creata durante il periodo storico della quarantena, sta riconoscendo il contesto culturale di ciò che significa vivere durante l’isolamento.

Spinge la conversazione a fare riferimento al tempo e alla stabilità mentale quando tutto il resto è fondamentalmente instabile. Rachel si trovava in una residenza per artisti a La Napoule France prima dell’inizio dell’isolamento e, di conseguenza, è rimasta bloccata per mesi in un posto strano, con persone che conosceva a malapena durante la pandemia. In questo lavoro, è vista con la maschera di Quimera di Tadeo Muleiro, anch’egli residente nel programma. “Guardando dentro di sé ed esplorando riflessioni personali che evidenziano le proprie paure interiori. Durante questo periodo di isolamento, all’umanità è stato dato il tempo di esplorare e abbracciare le ombre interiori che si nascondono tra le distrazioni della normalità quotidiana. Trovare questi problemi negativi che ci infastidiscono nei sogni e nei pensieri del nostro subconscio deve essere affrontato per aumentare il pensiero positivo.

Il superamento delle turbolenze interiori permette di avere chiarezza e nuove intuizioni per avvicinarsi al modo in cui viviamo la nostra vita”.

Elios
Editoria - Arte - Spettacolo
info@elioseditoriale.org